Successivo Indietro Successivo


"Uscendo da Piumazzo, sulla via che va alla Provvidenza, s'incontra l'Oratorio della B.V della Neve detto comunemente della Capacella o Capazella. Questo appellativo gli deriva dal casato del suo fondatore Girolamo Cappacelli di Marcantonio, cittadino bolognese, che lo fece costruire sulle sue terre nel l589 poco prima della sua morte. L' unica sua figlia, Ippolita, andando sposa al marchese Silvio Albergati, port˛ l'ereditÓ alla famiglia del marito che da allora assunse il nome di Albergati-Capacelli. Agli inizý del 1800 i beni Albergati furono venduti. Il proprietario conte Nicola Cassoli nel 180S provvide ad un radicale restauro della piccola chiesa. Successivamente la proprietÓ pass˛ alla famiglia Trenti che tuttora la detiene. Nell'oratorio, sopra l'altare, vi Ŕ l'immagine della Madonna col Bambino fra i santi Girolamo e, con tutta probabilitÓ, Petronio. La targa di bronzo, posta sulla porta d'ingresso, ricorda il fondatore e la data di fondazione: HIERONIMUS CAPPACELLUS FECIT FIERI ANNO DOMINI MDLXXXIX" L' edificio si trova ancora in ottimo stato di conservazione, potenzialmente aperto al culto per le funzioni dedicate alla Madonna che vi si venera. Il suo orientamento segue l' asse nord-sud. Nella facciata, sopra la targa bronzea, Ŕ murata una terracotta della Madonna della Provvidenza. Due finestre rettangolari, a fianco del portale d'ingresso, permettevano ai viandanti di rivolgere lo sguardo all'interno; oggi per˛ rimangono chiuse, cosý come l'altra che si apre sul fianco occidentale. Sul tetto, a due acque con copertura in coppi, si erge una croce latina trilobata in ferro battuto che svetta su un globo nel significato del Cristo al centro del cosmo. All'interno rimane la memoria degli interventi messi in opera per mantenere 1'0ratorio in piena efficienza. Sopra il portale d'ingresso una lapide recita: AEDICULAM HANC VETUSTATE FATISCENTEM NICOLAUS COMES CASSOLI BUSETTI EX TESTAMENTO HAERES REFICIUNDAM CURAVIT -A.D. MDCCCV ; un'altra iscrizione riporta che l'oratorio Ŕ stato restaurato e ripulito. Un paio di formelle in terracottta della Madonna della Provvidenza, copie di quelle che a Piumazzo si trovano in tante case, abbelliscono le pareti interne della cappella in cui non mancano neppure i banchi su cui i fedeli seguivano le funzioni che fino a qualche anno fa vi si svolgevano nel corso dell'Ottavario della Madonna del vicino santuario. La festa in onore della Madonna della Capacella veniva celebrata il 5 agosto.

Successivo Indietro Successivo